Sono Sicuri i Pagamenti Contactless? La Guida Informativa!

0
251
Contactless opinioni

Il contactless si dimostra sempre di più un metodo comodo per pagare.

In effetti molti utilizzano il bancomat contactless proprio per ragioni di praticità.

Spesso andiamo di fretta e abbiamo l’esigenza di strumenti funzionali, che ci permettano di svolgere in maniera efficiente tutti i nostri pagamenti.

Per fortuna le soluzioni innovative della moderna tecnologia ci vengono in aiuto, proponendoci le carte contactless che consentono di fare pagamenti veloci e sicuri.

Ma come funziona una carta contactless?

Quali sono i motivi che stanno dietro al successo del contactless?

Abbiamo preparato una specifica guida che ti dà la possibilità di approfondire tutti questi argomenti e di trovare una risposta a tutte le tue perplessità, se queste sussistono.

Così sarai più consapevole anche nella scelta della tua carta di credito, che potrai utilizzare eventualmente sfruttando il sistema contactless.

Andiamo subito a vedere di che si tratta!

Come riconoscere una carta contactless

È facile riconoscere una carta contactless, sia che si tratti di una PostePay contactless o di una Mastercard contactless.

Infatti per indicare la lettura della carta di credito in modalità contactless viene utilizzato un simbolo bianco che è posizionato sul fronte della carta.

Si tratta di un simbolo molto particolare, che è strutturato con delle onde bianche crescenti, che vanno verso destra.

È un logo specifico per indicare la possibilità di utilizzare il pagamento contactless.

In che cosa consiste il sistema

Contactless è un sistema di pagamento molto utile e comodo.

Possiamo dire, in generale, che si tratta di un sistema di pagamento facilitato, che si può utilizzare per effettuare acquisti presso i negozi fisici.

Infatti attraverso questo sistema puoi pagare avvicinando soltanto la carta al POS e non hai la necessità di digitare il PIN di riferimento.

Il vantaggio principale consiste nella velocità con cui viene effettuata l’operazione.

Infatti il metodo è molto semplice, perché l’utente non deve inserire la carta nel lettore e non deve inserire il PIN associato.

Solitamente l’inserimento del PIN non viene richiesto, quando si devono pagare importi bassi, inferiori o pari a 25 euro.

Questo tipo di tecnologia è utilizzato da tutti i tipi di carte, sia le carte di debito che le carte di credito.

Possono utilizzare il contactless anche le carte prepagate.

Tutti i principali circuiti internazionali adottano il contactless.

Non solo Mastercard, che abbiamo citato prima, ma anche Visa e American Express.

Come funziona

Le modalità di funzionamento del sistema contactless sono molto semplici.

Se disponi di una carta di questa tipologia, non devi fare altro, al momento del pagamento in un negozio, che avvicinare la carta al POS in corrispondenza del relativo chip.

Tieni la card in questa posizione per qualche secondo, fino a quando viene emesso il suono che indica l’avvenuto riconoscimento.

Questo sistema di pagamento è reso possibile da un sistema molto innovativo a livello tecnologico, che si basa sull’utilizzo della tecnologia RFID.

Si tratta di una sigla che indica l’espressione identificazione a radiofrequenza.

Ma analizziamo più precisamente come funziona questo tipo di tecnologia.

Le carte contactless hanno delle targhette elettroniche che si chiamano tag.

All’interno di queste ultime sono collocati i dati necessari per effettuare il pagamento.

Il compito di leggere e interpretare in maniera corretta i dati spetta al POS, attraverso la radiofrequenza.

Attivare il contactless non è affatto così complicato, infatti la carta si attiva automaticamente dopo il primo pagamento effettuato tramite il sistema standard, ovvero quello che prevede l’utilizzo del chip e l’inserimento del PIN.

Il sistema di pagamento attraverso lo smartphone

Molto importante e innovativo è anche il sistema contactless applicato agli smartphone.

In particolare ne possono usufruire quei dispositivi mobili dotati di tecnologia NFC.

In questo caso, se disponi di uno smartphone di questo tipo, puoi effettuare acquisti senza necessariamente dover usare la tua carta.

Ti basta soltanto avvicinare il telefono al POS, il quale è dotato proprio di un chip NFC.

È come se la carta per il pagamento venisse sostituita dal tuo dispositivo digitale.

Naturalmente, come abbiamo specificato, per poter utilizzare questa modalità devi avere una carta contactless da associare e il tuo smartphone deve essere dotato di un chip NFC, che ormai si trova su quasi tutti i dispositivi di ultima generazione, specialmente se scegli uno smartphone di fascia medio alta.

I pagamenti contactless sono sicuri?

Alcuni si chiedono se i pagamenti contactless siano sicuri.

In realtà, per rispondere a questa domanda, dobbiamo specificare che nel sistema in questione vengono utilizzate tutte le precauzioni per poter difendere gli utenti da eventuali problemi.

Innanzitutto non sussiste il pericolo di lettura dei dati da parte di terze parti non autorizzate, perché i dati sono cifrati e quindi inutilizzabili.

Le carte più moderne sono dotate di un chip RFID di ultima generazione, che offre una protezione molto più efficace.

Inoltre non bisogna dimenticare che tutto il sistema funziona attraverso la generazione di un codice di autorizzazione univoco che vale esclusivamente per una transazione di denaro, quindi sarebbe inutilizzabile per essere speso in altro modo.

Qualcuno utilizza anche degli accessori da portafoglio che mettono al sicuro la carta contactless attraverso una fodera costituita da un foglio di alluminio, per proteggere la carta da occhi indiscreti.

Anche questa schermatura possiamo dire che funziona e quindi può rappresentare un altro strumento per difendersi.

In generale ci sono delle regole molto semplici da mettere in pratica nella vita di tutti i giorni, per proteggere le carte contactless, ma tutte le carte in generale.

Sarebbe opportuno non conservare le carte in tasche o borse che possono essere facilmente accessibili.

Inoltre è molto importante sempre chiedere uno scontrino o una ricevuta, per evitare che siano addebitate cifre più alte.

In caso di furto o di smarrimento di una carta, assicurati di bloccarla nel più breve tempo possibile.

Evita di fare acquisti in siti non autorizzati o che comunque non godono di una grande reputazione, per non diffondere con troppa leggerezza i dati che si riferiscono alla carta stessa.

Tieni sempre d’occhio con regolarità gli estratti conto e, se riscontri pagamenti che non riconosci, provvedi subito a contestarli.

Se la carta viene usata in maniera fraudolenta online, puoi fare reclamo scritto all’emittente, che entro 30 giorni ha l’obbligo di restituire tutta la somma utilizzata indebitamente.

LE NOSTRE GUIDE: VAI QUI!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here